Raft – Sopravvivenza tutta Indie

Raft – Sopravvivenza tutta Indie

10 ottobre 2017 0 Di claudiowaves

La passione per i giochi survival non ci ha mai abbandonato, questo è poco ma sicuro!
Questa passione è talmente tanto forte e prorompente che, aimè, spesso mi spinge a provare una qualsiasi beta di un qualsiasi gioco proveniente da un qualsiasi paese.

Dopo aver passato qualche centinaia di ore davanti a titoli pietosi per vari motivi, finalmente mi sono imbattuto in un gioco molto semplice, con delle dinamiche basilari, ma che mi ha fatto passare delle serate molto piacevoli. Sto parlando di Raft.

Raft non ha lore (almeno per ora), semplicemente ci ritroviamo a indossare i panni di un naufrago che, per qualche cazzo di motivo non ancora precisato, si ritrova al centro del mare a galleggiare su una piattaforma di legno. L’unico strumento a disposizione è una corda con al capo un gancio.

E ora?

E ora nulla, bisogna aspettare che la corrente ci porti del materiale per estendere la nostra zattera e per permetterci di sopravvivere in maniera dignitosa.

Il materiale a disposizione è quello classico che troverete in tutti i videogame che implementino il crafting (legno, metallo, foglie, barili con all’interno un po’ di tutto) e questo ci permetterà di costruire strutture ed accessori che ci consentano di mangiare e bere, oppure di reperire risorse senza dover far affidamento alla corrente.

Il nostro unico ma sempre presente avversario, oltre alla fame e alla sete, è uno squalo che ogni tanto tenterà di distruggerci la zattera. Difenderci risulterà molto semplice grazie a una lancia. Per ora non è granchè come avversario, ma speriamo in un upgrade.

Ora ammetto che sembrerà molto strano veder crescere una palma di 10 metri su una zattera mentre siamo intenti a costruire il terzo piano della nostra abitazione senza che questa tendi ad affondare.. ma chi siamo noi per poter dare lezioni di fisica??

La verità è che in poco tempo ci ritroveremo dal dover sopravvivere al dover cercare di armonizzare le nostre stanze come se stessimo giocando a The Sims.

In brevissimo tempo mi son ritrovato a possedere in mezzo al mare una villa di tre piani con una decina di palme, orto personale con produzione di patate e rape, 3 zone barbecue con tavolo e sedie annesse per i commensali (immaginari ovviamente… wilsoooooon!!). La buona notizia è che gli sviluppatori hanno annunciato che ci sarà la possibilità di giocare in multiplayer.

Detto questo vi lascio il link per scaricare il gioco dal sito ufficiale.

Come sempre, se il gioco vi è piaciuto, vi invitiamo a sostenere il progetto con una piccola donazione (si può fare dal sito linkato prima) o quantomento condividendolo con gli amici così da far conoscere il gioco a più persone possibili.